In Germania con la nave e molti privilegi

Corteggiati, prelevati in patria e accolti all’estero a braccia aperte: 330 anni fa quattordici famiglie bernesi si trasferirono con i loro domestici nel Brandeburgo, poco lontano da Berlino. Nel villaggio di Nattwerder il loro ricordo è ancora vivo. A prima vista solo un segnavia di legno con l’indicazione Berna rammenta le origini dei primi abitanti del villaggio. Ma chi s’interessa alla storia della colonia elvetica a Nattwerder non fatica a trovare fonti bene informate. Basta sedersi sulla panchina presso la piccola chiesa accanto a Emil Mauerhof. L’agricoltore in pensione, ultimo discendente dei coloni svizzeri, è una celebrità locale, abituata a rispondere alle domande. Il segnavia l’ha ricevuto come regalo anni fa. Fino alla patria dei suoi antenati, così c’è scritto sul cartello, ci sono 1401 chilometri per via d’acqua. La famiglia di Emil Mauerhfer vive da dieci generazioni nel piccolo villaggio brandeburghese di 35 abitanti, nelle vicinanze di Potsdam. Qui …
Den ganzen Bericht lesen unter: Politica – SWI swissinfo.ch