«L’Afghanistan è dimenticato»

Il numero di richiedenti l’asilo afgani in Svizzera è di nuovo in aumento. La maggior parte di loro si è unita all’esodo lungo la rotta balcanica. Tra queste persone ci sono anche i sette membri della famiglia Sajadi*, che dal 20 ottobre vivono in un centro di accoglienza per richiedenti l’asilo gestito dall’Esercito della salvezza, vicino a Berna. Pacati, timidi e leggermente tesi, sono seduti attorno al tavolo da cucina di un appartamento mansardato, in una casa di contadini nel villaggio di Hinterkappelen, appena fuori Berna. Nel centro di accoglienza per richiedenti l’asilo gestito dall’Esercito della salvezza incontriamo papà Hossain (40 anni), mamma Zahra (37) e i figli Mohsen (10), Sajjad (14), Mohdi (17) e Maryam (20)*. Manca solo Asma, cinque anni, che oggi ha il suo primo giorno di asilo. Oltre a questa famiglia afgana, nel centro vivono altri 30 richiedenti l’asilo, per lo più giovani donne dall’Eritrea. La famiglia Sajadi viene da Sharistan, una località …
Den ganzen Bericht lesen unter: Politica – SWI swissinfo.ch